« REGALO SENZA VALORE  つまらないものですが | Principale | JINDAI-JI #1  深大寺(その1) »

ottobre 25, 2012

TrackBack

URL per il TrackBack a questo post:
http://www.typepad.com/services/trackback/6a00d8341ca7d153ef015432127b76970c

I link elencati qui sotto sono quelli che rimandano a PULIZIA DELLE SCUOLE  学校の掃除:

Commenti

Noemi

Ho notato solo ora questo blog, ma è fantastico! Mi pento di non averlo scoperto prima!
Comunque qui in Italia è un'abitudine che purtroppo non c'è. E' davvero un peccato, perché così scoprirebbero la bellezza e il rispetto di tenere pulito ed ordinato. Dato che studio per diventare insegnante di scuola primaria, credo che sarà la prima cosa che insegnerò ai miei allievi!

Mario

Davvero interessante il tuo blog, ti ho linkato sul mio sito www.neongenesis.it/japan

Pascal

Io sono uno studente svizzero, alla fine dell'anno scolastico puliamo sempre le nostre aule, e le lasciamo pulite a chi l'anno prossimo userà la nostra aula. Sinceramente, trovo che sia perfettamente plausibile chiedere agli studenti di pulire le proprie aule.

Alberto 8

Questa sana usanza farebbe benissimo agli italiani a all'Italia ci renderebbe migliori.

Alberto

Ciao a tutti, questa buona abitudine non c'è in Italia e in pratica in nessun paese occidentale. Ed è un peccato. Sul fatto che in genere i Giapponesi si facciano poche domande sulle loro stesse abitudini consolidate, e che si chiedano se siano o meno fondate o ragionevoli, ho avuto in effetti innumerevoli prove. In questo caso sconsiglio di abbandonare questa lodevole abitudine, pena vedere la cura da parte degli studenti dell'ambiente scolastico, decrescere in poco tempo.

Filippo

Quando ero alle elementari (scuola a tempo pieno) pranzavamo tutti assieme nella mensa della scuola e poi, durante l'intervallo, a turno, si sparecchiavano i tavoli, si pulivano le tavole, si mettevano le panchine sopra i tavoli e si puliva ben bene il pavimento. Questo per aiutare la bidella che era da sola ed era pure la cuoca...
Era una bella cosa, peccato che non fosse e non sia la regola :)

Taku

ho sempre ammirato tantissimo quest'usanza giapponese.
purtroppo nelle scuole italiane questo non accade mai, anzi! gli studenti ai miei tempi incidevano i banchi o ci scrivevano sopra con i pennarelli indelebili e quando suonava la campanella tutti scappavano fuori dall'aula.
non so come sia adesso ma non penso che la situazione sia cambiata...
il nostro paese ha così tanto da imparare dal giappone!

Angela

Io lavoro in una scuola elementare e vedo che spesso i bambini, dato che non sono abituati a pulire e lasciare in ordine (nemmeno a casa loro, evidentemente) raramente trattano le cose con cura. L'idea tutta italiana che quando una cosa è "di tutti" allora "non è di nessuno" si fa strada in loro fin da piccoli. Però è solo una questione di abitudine. Se si insegna loro a lasciare le cose in ordine e ad aver cura degli spazi comuni lo faranno senza protestare.

Gattosandro-viaggiatore.blogspot.com

Insegnando ai bambini a tenere pulito l'ambiente scolastico si insegna anche il rispetto. In Italia non sarebbe possibile: l'associazione dei genitori griderebbe allo sfruttamento dei bambini, e troverebbe umiliante l'idea che i figli puliscano. Per questo i bambini crescono pensando che sono liberi di sporcare, perchè c'è qualcuno pagato per farlo.

Sephora

No ho figli, ma penso che sarebbe bellissimo ci fosse questa usanza anche qui. I ragazzi sarebbero più responsabili e sporcherebbero meno (graffiti compresi...)

Roberto Gambuzzi

In Italia è una abitudine che non c'è.
Peccato.
Gli studenti sporcherebbero di meno, sapendo che poi sarebbero loro a dovere pulire dopo.
Il problema sono anche i genitori, che sono spesso troppo protettivi, impedendo alla scuola di chiedere un tale servizio.
Come genitore di 2 figli ritengo che sarebbe una ottima abitudine, ed un risparmio per le scuole, che hanno pochi soldi in questo momento.

I commenti per questa nota sono chiusi.

La mia foto

Album Fotografici

Il mio stato online